Header

Installazione

MODALITA’ D’INTERRAMENTO, MOVIMENTAZIONE ED INSTALLAZIONE

  • Movimentare i serbatoi “modulare”, “modulare stretto” “monoblocco” con apposite fasce di materiale sintetico; non utilizzare i golfari. Non movimentare mai il serbatoio pieno e non riempire mai il serbatoio da interro esternamente allo scavo.
  • Preparare una buca di idonee dimensioni a fondo piatto consistente, in modo che intorno e sotto al serbatoio rimanga uno spazio sufficiente per effettuare la compattazione del materiale di rinfianco.
  • Stendere sul fondo un  letto di sabbia di almeno 5 cm in modo che il serbatoio poggi su una base uniforme, compatta e non direttamente sul terreno di scavo.
  • Posizionare il serbatoio perfettamente in piano su una superficie livellata e resistente al peso del serbatoio pieno.
  • Connettere e collaudare i vari allacciamenti assicurandosi che lo sfiato sia libero per evitare che il serbatoio vada in depressione.
  • Riempire progressivamente con acqua il serbatoio, rinfiancando contemporaneamente con sabbia: procedere per strati successivi di 15-20 cm riempiendo prima il serbatoio d’acqua e successivamente rinfiancando con sabbia, compattandola.
  • Togliere il coperchio esclusivamente nelle fasi di riempimento e ripristinarlo durante le operazioni di rinfianco.
  • Prevedere un adeguato drenaggio della sede di scavo, se necessario, per evitare che il serbatoio possa subire spinte idrostatiche dovute all’accumulo di acqua nello scavo stesso in concomitanza di  eventi meteorici .
  • Nel caso in cui nella zona di interramento la falda fosse più alta del fondo del serbatoio, nel caso di falda freatica o comunque in presenza di infiltrazioni di acqua dal terreno e laddove non fosse possibile prevedere un adeguato drenaggio è necessario predisporre un adeguato isolamento del serbatoio, ad esempio mediante isolamento con pareti in calcestruzzo, gettando completamente il manufatto con calcestruzzo ecc. avendo particolare cura nel rinfianco da effettuarsi in almeno 3 strati al fine di non avere galleggiamento della fossa, seppur con acqua, sul calcestruzzo.
  • Qualora si debba interrare il serbatoio in zone con pendenza o in prossimità di un declivio è necessario proteggere il serbatoio con un sistema di contenimento delle spinte, in modo che le spinte laterali del terreno non gravino direttamente sul serbatoio. Tener conto delle condizioni complessive del sito di interramento.
  • Ricoprire il serbatoio con terreno vegetale per un’altezza massima di 50 cm, è anche possibile creare una copertura in cls alleggerito al fine di incrementare la rigidezza al passaggio; il serbatoio, così come la zona nelle immediate vicinanze dello scavo non è carrabile; per l’interramento del serbatoio a profondità superiori a 50cm predisporre le opere adatte a prevenire compressioni  e spinte superiori, inferiori e laterali; consigliamo di avvalersi della competenza di un tecnico a tal fine.  Qualora si volesse ottenere una copertura carrabile sarà necessario costruire, in relazione alla portata, un’idonea soletta  in cemento armato con dimensioni maggiori dello scavo del serbatoio, in funzione della consistenza del terreno circostante, in modo che i carichi non vadano a grave direttamente o indirettamente sul serbatoio stesso.
  • Rendere praticabili gli accessi ai serbatoi in modo da permettere le normali operazioni di manutenzione.
  • L’installazione di eventuali pozzetti e chiusini di peso superiore ai 30KG dovrà avvenire solo in maniera solidale con una soletta in modo che il peso non gravi direttamente sul serbatoio.      
  • Evitare di realizzare parti in muratura che pregiudichino l’eventuale manutenzione o sostituzione del serbatoio stesso. Accertarsi che guarnizioni, tubi e tutte le parti diverse dal polietilene presenti nel serbatoio, siano idonee al liquido contenuto.
  • Per la scelta del materiale di riempimento e per le modalità di compattazione fare riferimento alle norme UNI EN 1046 e UNI EN1610 ed inoltre, nello svolgimento di tutte le lavorazioni deve essere  rispettato il Decreto Legislativo 81/08 e le norme di  sicurezza dei cantieri temporanei e mobili.
  • Non utilizzare esternamente i serbatoi da interro.
  • In particolar modo per le stazioni di sollevamento proteggere adeguatamente la vasca dalle forze di galleggiamento (spinta idrostatica) e prevedere un accesso al serbatoio di dimensioni sufficienti da permettere all’operatore le normali operazioni di manutenzione.
  • Per quanto concerne i serbatoi modulari eseguire l’interramento come da indicazioni sopra riportate dopodiché assicurare con viti autofilettanti zincate o di acciaio i tappi con ghiera compresi nella fornitura.
  • Effettuare l’installazione di tubazioni di ingresso e di uscita a serbatoi ed impianti in presenza degli stessi sul cantiere in modo da esser certi di rispettare i principi idraulici.


Scarica Pdf